Nel precedente articolo abbiamo parlato di cos’è il forex trading. In questo articolo gettiamo ulteriormente le basi di questo meraviglioso strumento parlando del linguaggio del Forex trading.

Il Forex trading è collegato a diversi termini correlati tra loro che vengono utilizzati nel linguaggio forex, e che sono fondamentali per comprendere al meglio i mercati finanziari.

Vediamone alcuni:

Forex Leverage: Definizione

La leva è il ritorno sugli investimenti. Ciò significa che quando operiamo su un Forex, stiamo lavorando su un prodotto leveraged. Strettamente collegato alla leva è la gestione del rischio. Infatti, nel cambio, si deposita una piccola percentuale del valore totale che si desidera scambiare e si aspetta l’aumento del ritorno (o meglio, il potenziale ritorno) di questo deposito.

La leva finanziaria permette sia l’utile che la perdita.

https://www.bassilo.it/forex-trading/

Diffusione Forex: Definizione

Lo spread rappresenta la differenza tra l’offerta e la richiesta di due valute, ed è strettamente legato al Forex. La diffusione non è molto diversa dal prezzo reale o effettivo: per esempio, se un prezzo è 1000 e si compra per 1001 e si vende per 999 si è sempre vicino al prezzo reale, ma si ha una differenza di due (che può essere euro, o dollari, o puond o altro), che rappresentano la diffusione. Così, in entrambi i casi, se si acquista o se si vende si deve anche considerare lo spread.

Questi sono alcuni dei parametri legati alla diffusione, per esempio il Pips, la percentuale dei punti.

Percentuale in punti (Pip): Definizione

La percentuale dei punti è fondamentale quando si lavora con le valute che hanno una differenza di valori sulla quarta cifra decimale. Quindi, questo non è il caso di due monete che hanno grandi valori relativi, ma di quelli che hanno piccole differenze di valori. Per esempio, se abbiamo
una moneta che ha un valore di 1,44455 e un altro che ha il valore di 1,44555, abbiamo una differenza di dieci pips. Dalla definizione dei
Pips, deriva che: se si dispone di uno scambio con un Pips positivo, si sta realizzando un profitto, mentre, se è negativo, si perde denaro.

Lotti, mini-lotti e micro lotti: l’unità di misura nel commercio Forex

Ci sono alcuni termini che vengono utilizzati nel dizionario Forex che è importante sapere per capire meglio l’argomento. Uno di questi è il sacco, un termine usato per riferirsi ad un ordine di 100.000 unità.

Ancora Pips

Ora dobbiamo tornare per un attimo ai Pips. Perché, come il Pips è la percentuale di punti della moneta che stiamo usando, calcolato sulla quarta cifra decimale, se parliamo in termini di lotti, dobbiamo renderci conto che il Pips di una partita ha una diversa forma in un mini o micro lotto.

Ad esempio, nel lotto standard degli Stati Uniti, un pip sarà dieci dollari, mentre per un mini sacco di dollari, un pip sarà
conforme a un dollaro.

Il rapporto tra i lotti, mini lotti, micro lotti e semi per le diverse valute non è lineare ne semplice, il modo per avere
un’idea dei valori è quello di consultare il disponibile sul calcolatore online.

Stop loss: Definizione

Come il nome stesso suggerisce, lo stop loss è qualcosa che ferma le perdite. Per essere più precisi dobbiamo usare parole più appropriate, lo stop loss è un ordine che permette (o meglio al vostro broker) chiudere tutti gli scambi al fine di fermare, o almeno limitare, le perdite. Nel momento in cui l’ordine viene spedito, quando il mercato è o sembra essere sfavorevole al vostro commercio, si può decidere di fermare la perdita e salvare il vostro investimento finanziario residuo.